Palazzo Beato Jacopo, 1- 17019 Varazze (SV)
+39 019 97648
info@radioskylab.cloud

CovidMED e L&G: tra Salute e Ambiente

Tutta la Musica che c'è

CovidMED e L&G: tra Salute e Ambiente

Giovedì sera è andata in onda una puntata tutta dedicata alla salute. Se è vero che la prima parte è più facilmente riferibile al tema, anche gli argomenti cambiamento climatico, mobilità, utilizzo dell’idrogeno, nucleare… hanno certamente a che fare con il benessere fisico delle persone

COVID-MED (primi 40 minuti)

Il prof. Andrea De Maria, come sempre, ci illumina a fronte di un’informazione mediatica sempre più confusa ed un’inconsapevolezza politica che lascia un po’ perplessi. Questi alcuni dei temi principali:

  • la situazione ligure è davvero così grave? L’RT da cui è scaturita la decisione fa riferimento ai dati delle due settimane precedenti, senza contare che era previsto un incremento a fronte delle varianti.
  • La necessità di rintracciare i motivi che portano al peggioramento: nel periodo in cui si era in zona gialla, il personale è stato totalmente impiegato per le vaccinazioni, trascurando la fase di tracciamento. Cosa vuol dire? Se a gennaio/febbraio avessi operato anche in tal senso, si sarebbe scongiurato il “lockdown”. La chiusura dovrebbe essere consapevole e motivata: quali sono le fonti di contagio?
  • Nessun tracciamento, dunque ed il paragone con la 555 dell’allenatore nel pallone…
  • Alla sera i vaccini vengono gettati via? Ogni giorno vengono scongelate le dosi di Pfizer da somministrare. Il procedimento richiede 3 ore, segue poi la fase in cui viene ricostituita e inserita in siringhe da insulina. In caso avanzino dosi, per motivi diversi, è impossibile recuperare il prodotto e chiamare chi sia in attesa, visto l’orario, risulta alquanto difficile….

Senza contare l’ESCLUSIVA! Esiste da un po’ di tempo un farmaco da assumere oralmente che funziona per il Covid: una pastiglia, “nata” negli Stati Uniti e precisamente ad Atlanta per l’influenza, ceduta poi ad una ditta in California e acquistata infine da un colosso dell’industri farmaceutica. 2 pillole, per 5 giorni… Sarebbe il caso di investirci e sviluppare rapidamente il medicinale che potrebbe facilmente essere distribuito anche in farmacia….

Abbiamo già detto troppo, ma tanto c’è ancora da ascoltare. E ricordate che, da settimana prossima CovidMED inizia 15 minuti prima

 

L&G DEDICA LA PUNTATA ALL’AMBIENTE 

Dopo il rassicurante quadro sanitario del prof., la serata prosegue all’insegna del “green”.

Si comincia con Federico Spadini – Green Peace – che ci propone alcuni dati importanti: il 50% degli spostamenti con mezzi riguarda percorsi sotto i 3 km; più di 1/4 delle emissioni europee di gas terra deriva dai trasporti. Come avrete capito, Federico si occupa in particolare di mobilità e ci porterà a riflettere sulla “mobilità dolce”, poco incentivata, sulla corretta, seppur lenta, via dell’uso dell’elettricità, che però dovrebbe essere ricavata da combustibili naturali, sulla possibilità di riutilizzo delle batterie esaurite… fino a giungere a parlare di formazione di bambini e ragazzi.

Dopo i primi 45 minuti, interviene Michela Spina – Fridays for Future – rampante 23enne in procinto di laurearsi in veterinaria, che con entusiasmo e competenza ci parla dell’insufficienza della PAC (Politica Agricola Comune) europea, delle problematiche legate agli allevamenti intensivi ed estensivi con particolare riferimento al Brasile dove viene trascurata l’importanza della deforestazione selvaggia applicata dal Governo, di Parigi, progetto MAPA e… Ritorno al Futuro

Segue la “Signora dei Ghiacci”, la prof. Paola Rivaro, il cui soprannome deriva dalle 9 missioni in Antartide. Alcune settimane fa si è verificato il distacco di un iceberg, già nel 2017 un distacco delle dimensioni di metà Corsica e più recentemente uno grande quanto Roma, ha dato indicazioni di quanto il riscaldamento globale sia un “silente” distruttore… Si parte da qui, nel nostro excursus “chimico ambientale”, passando per Il progetto EPICA che permette di ricostruire il clima del passato nelle varie ere geologiche, allo studio delle acque profonde, fino al buco nell’ozono ed al protocollo di Montreal… il tutto in chiave… “potabile” ed estremamente interessante

La serata si chiude con un grande giornalista de Il Sole 24 Ore, Jacopo Giliberto  con cui si è ripreso il passaggio precedente sui Freon (cloro fluoro carbonio) quale gas inerte utilizzato per moltissime applicazioni e sostituito poi dagli idrocarburi, discusso dell’utilizzo dell’idrogeno e “l’incompreso” nucleare – non vogliamo le centrali, ma sappiamo esserci almeno 24 depositi atomici sparsi per l’Italia e che molte delle cose che noi usiamo contengono scorie nucleari? Meglio tanti depositi o 1 solo ben gestito e controllato? – del blocco delle grandi navi a Venezia… e poi e poi… tutto da ascoltare!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *